Intervista a Chavez
martedì, 21 ottobre 2008 01:22:42
Edito por Asociación Civil "LPG"
Responsable: Attilio Folliero

Principal Arriba Petroleo y dolar Attacco al dollaro Nuove Borse Possibili attentati Petrorublo Intervista a Chavez Biocombustibles
de 26/05/2006
Page Rank Check
Free counter and web stats

Principal
Arriba

DOSSIER PATRIAGRANDE

Petrodolares Dossier
  Emigración Ceseiv
Dossier Haití
Indígenas
de América

Música y canciones

DEBATE ABIERTO
promovido por
La Patria Grande
Diario Vea
Grupos sociales
Con
Adán Chávez
G. García Ponce
R. Hernández
Dossier Petrodólar
Intervista a Hugo Chavez

Nuovi Mondi Media ha tradotto in italiano una intervista a Hugo Chavez di Greg Palast (The Progressive).

Ci sono solo due modi per arrestare l'ascesa di Chávez come nuovo Abdullah delle Americhe. Primo, tagliare il prezzo del petrolio sotto i 30 dollari al barile. Oppure, l'opzione due: ucciderlo

Greg Palast, The Progressive, Traduzione a cura di Giusy Muzzopappa per Nuovi Mondi Media, LPG, 11/09/2006

Altri articoli sulla Questione Petrodolarri nel Nostro Dossier Petrodollari. Otros articulos sobre el problema Petrodolares en Nuestro Dossier Petrodolares

Ci sono solo due modi per arrestare l'ascesa di Chávez come nuovo Abdullah delle Americhe. Primo, tagliare il prezzo del petrolio sotto i 30 dollari al barile. Oppure, l'opzione due: ucciderlo

Potreste pensare che George Bush si sarebbe inginocchiato e avrebbe baciato il didietro di Hugo Chávez. Non solo Chávez ha mandato petrolio a buon mercato nel Bronx e in altre comunità povere degli Stati Uniti. E non solo si è offerto di aiutare le vittime di Katrina. Nella mia intervista del 28 marzo al presidente del Venezuela, quest’ultimo ha fatto a Bush la seguente, straordinaria offerta: Chávez avrebbe abbassato il prezzo del petrolio fino a 50 dollari al barile – “non troppo alto, un prezzo giusto”, ha detto – un terzo in meno rispetto ai 75 dollari al barile registrati di recente sul mercato a pronti. Questo avrebbe abbassato il prezzo alla pompa di benzina di circa un dollaro, da 3 a 2 dollari al gallone. Ma il nostro [degli americani, NdT] presidente in pratica ha detto a Chávez di prendere il suo più economico petrolio e infilarselo su per la sua ”tubatura”. Prima di spiegare perchè Bush l’ha fatto, permettetemi di spiegare perché Chávez ha la possibilità e il metodo per riuscire nell’apparente follia della sua operazione “Prendi il mio petrolio, per favore!”.

Chávez mi ha detto che il Venezuela ha più petrolio dell’Arabia Saudita. Una folle spacconata? Non esattamente. In effetti, la sua sorprendente pretesa è tratta da una fonte ancora più sorprendente: il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti. In un rapporto interno, il DOE stima che il Venezuela possieda riserve cinque volte superiori a quelle saudite.

In ogni caso, la maggior parte delle grandi quantità di greggio del Venezuela è in forma di petrolio “pesante” (asfalto liquido), spaventosamente costoso da estrarre e raffinare. Il petrolio dev’essere venduto sopra i 30 dollari al barile perché l’investimento nel petrolio pesante sia proficuo. Una forte flessione nel prezzo del petrolio (dopotutto, il petrolio costava solo 18 dollari al barile sei anni fa) farebbe fallire gli investitori nel petrolio pesante. Di qui l’offerta di Chávez: abbassare il prezzo a 50 dollari, e tenerlo fermo. Questo garantirebbe gli investimenti del Venezuela nel petrolio pesante.

Ma l’ascesa del Venezuela nell’OPEC comporterrebbe necessariamente la disfatta della Casa di Saud. E la famiglia di Bush non gradirebbe quel particolare. È un problema di “petrodollari”. Quando George W. ha portato a spasso in un golf cart l’allora principe ereditario (oggi re) dell’Arabia Saudita Abdullah nel suo ranch di Crawford, non era perché l’America avesse bisogno del petrolio arabo. I sauditi ci venderanno sempre il loro petrolio. Quello di cui Bush ha bisogno sono i petrodollari sauditi. Negli ultimi tre decenni, l’Arabia Saudita ha gentilmente riciclato i contanti succhiati dai portafogli dei proprietari di SUV americani e ha rimandato il bottino direttamente a New York per comprare buoni del tesoro e altre forme di investimento americane. I potentati del Golfo danno per scontato che in cambio del prestito di contanti fatto al Tesoro americano per finanziare l’incremento di due trilioni di dollari del debito pubblico nazionale, voluto da George Bush, essi debbano ricevere protezione. Loro ci prestano i petrodollari, noi prestiamo loro l’82esimo aviotrasportato. Chávez metterebbe fine a tutto questo. Ci venderebbe petrolio relativamente a buon mercato, ma vorrebbe tenere i petrodollari in America Latina. Di recente Chávez ha ritirato 20 miliardi di dollari dalla Federal Reserve americana e, al tempo stesso, ha prestato – o rimesso – una somma analoga all’Argentina, all’Ecuador e ad altre nazioni latinoamericane.

Chávez, ha fatto notare il Wall Street Journal, è diventato un “Fondo Monetario Internazionale tropicale”. E in effetti, come mi ha riferito lo stesso presidente venezuelano, egli vuole abolire l’FMI con sede a Washington e i suoi brutali diktat liberisti, per rimpiazzarlo con un Fondo Umanitario Internazionale, un IHF, o più precisamente, un Fondo Internazionale di Hugo. Oltre a questo, Chávez vuole che l’OPEC riconosca ufficialmente il Venezuela come leader della riserva del cartello – cosa che né i sauditi, né Bush vedrebbero di buon occhio.

Politicamente, il Venezuela è diviso in due. La “Rivoluzione Bolivariana” di Chávez, sul modello del New Deal di Franklin Roosevelt – tassazione progressiva sul reddito, lavori pubblici, previdenza sociale, elettricità a basso costo – lo ha reso estremamente popolare tra i poveri. E la maggior parte dei venezuelani è povera. I suoi critici, un’elite bianca vecchia di quattro secoli, non abituata a condividere la ricchezza del petrolio, lo dipinge come un anticristo che va a braccetto con Castro.

Il governo di Chávez, che di solito si limitava a ignorare questi critici, ora è diventato apertamente ostile nei loro confronti. Gli ho contestato diverse volte le accuse fatte a Súmate, il principale gruppo dell’opposizione. I due fondatori dell’organizzazione non governativa che ha guidato la campagna per la revoca del mandato di Chávez rischiano otto anni di carcere per aver preso soldi dall’amministrazione Bush e dall’International Republican [Party] Institute. Nessuna nazione permette finanziamenti stranieri per le campagne politiche, ma le accuse (ancora nessuno è in carcere) sembrano una pesante mazza da usare per le minime infrazioni di questi patetici tafani. La reazione di Bush contro Chávez è stata un misto di ostilità e provocazione: Washington ha appoggiato il tentato golpe contro Chávez nel 2002, e Condoleeza Rice e Donald Rumsfeld lo hanno denunciato più volte. La nuova Strategia per la Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti, presentata a marzo, dice: “In Venezuela un demagogo intriso di petrolio sta minando alla base la democrazia e sta cercando di destabilizzare la regione”.

Perciò, quando il reverendo Pat Robertson, alleato di Bush, ha detto ai suoi fedeli nell’agosto del 2005 che Chávez doveva andarsene, non è irragionevole pensare che stesse dando voce ad un desiderio dell’amministrazione Usa. “Se pensa che stiamo cercando di assassinarlo”, ha detto Robertson, “credo che dovremmo andare avanti e farlo davvero. È molto meno costoso che iniziare una guerra… e non credo che comprometterebbe alcuna spedizione di petrolio”.

Ci sono solo due modi per arrestare l’ascesa di Chávez come nuovo Abdullah delle Americhe. Primo, l’opzione meno desiderabile: tagliare il prezzo del petrolio sotto i 30 dollari al barile. Questo renderebbe il greggio di Chávez privo di valore. Oppure, l’opzione due: ucciderlo.

I: I suoi oppositori sostengono che lei stia iniziando una dittatura al rallentatore. È ciò a cui stiamo assistendo?

Hugo Chávez: Lo stanno ripetendo da tanto tempo. Quando sono a corto di idee, ogni scusa è buona come veicolo di bugie. È completamente falso. Vorrei invitare i cittadini della Gran Bretagna e degli Stati Uniti, e del mondo intero, a venire qui e camminare liberamente per le strade del Venezuela, parlare con chiunque, guardare la televisione, leggere i giornali. Stiamo costruendo una vera democrazia, con diritti umani per tutti, diritti sociali, istruzione, sanità, pensioni, previdenza sociale, e lavoro. I: Alcuni dei suoi oppositori sono stati accusati di aver ricevuto soldi da George Bush. Li manderà in prigione? Chávez: Non dipende da me deciderlo. Abbiamo delle istituzioni preposte a questo. Queste persone hanno ammesso di aver ricevuto soldi dal governo degli Stati Uniti. Sta al pubblico ministero decidere cosa fare, ma la verità è che non possiamo consentire agli Stati Uniti di finanziare la destabilizzazione del nostro paese. Cosa succederebbe se noi finanziassimo qualcuno negli Stati Uniti per destabilizzare il governo di George Bush? Quel qualcuno andrebbe sicuramente in carcere.

I: Come risponde alle accuse di Bush che lei starebbe destabilizzando la regione interferendo nelle elezioni di altri paesi latinoamericani?

Chávez: Il signor Bush è un presidente illegittimo. In Florida, suo fratello Jeb ha cancellato molti elettori neri dalle liste elettorali. Quindi, questo presidente è il risultato di una frode. E, come se non bastasse, Bush negli Stati Uniti sta anche praticando una dittatura di fatto. I cittadini possono essere messi in prigione senza motivo. Mettono i telefoni sotto controllo senza sentenze giudiziarie. Controllano quali libri le persone prendono in prestito nelle biblioteche pubbliche. Hanno arrestato Cindy Sheehan perchè indossava una T-shirt che chiedeva il ritorno delle truppe dall’Iraq. Insultano i neri e i latinoamericani. E, se vogliamo parlare dell’impicciarsi in altri paesi, allora gli Stati Uniti sono i campioni dell’impicciarsi negli affari degli altri. Hanno invaso il Guatemala, hanno rovesciato Salvador Allende, hanno invaso Panama e la Repubblica Dominicana. Sono stati coinvolti nel colpo di stato in Argentina trent’anni fa.

I: Gli Stati Uniti stanno interferendo con le vostre elezioni?

Chávez: Hanno interferito per duecento anni. Hanno cercato di impedirci di vincere le elezioni, hanno appoggiato il colpo di stato, hanno dato milioni di dollari a quelli che avevano progettato il colpo, hanno appoggiato i media, i giornali, movimenti illegali, un intervento militare e azioni di spionaggio. Ma qui l’Impero è finito, e credo che prima della fine di questo secolo sarà finito nel resto del mondo. Assisteremo al funerale dell’Impero dell’aquila. I: E lei non interferisce nelle elezioni di altri paesi latinoamericani?

Chávez: Assolutamente no. Mi preoccupo del Venezuela. Piuttosto, quello che sta accadendo è che alcuni movimenti di destra mi stanno trasformando in una pedina nelle politiche interne dei loro paesi, facendo affermazioni prive di fondamento. A proposito di candidati come Morales [Bolivia], ad esempio. Hanno detto che ho finanziato la candidatura del presidente Lula [Brasile], e questo è assolutamente falso. Hanno detto che ho finanziato la candidatura di Kirchner [Argentina], e anche questo è assolutamente falso. In Messico di recente il partito di destra ha usato la mia immagine a suo vantaggio. Quello che è accaduto è che in America Latina c’è una svolta a sinistra. I latinoamericani si sono stancati del ”Washington consensus” – un neoliberismo che ha aggravato miseria e povertà.

I: Lei ha speso milioni di dollari della ricchezza derivata dal petrolio del suo paese in tutta l’America Latina. Sta davvero aiutando queste nazioni o sta semplicemente comprando l’appoggio politico al suo regime?

Chávez: Siamo fratelli e sorelle. Questa è una delle ragioni della collera dell’impero. Lei sa che il Venezuela ha la più grande riserva al mondo di petrolio. E la più grande riserva di gas in questo emisfero, l’ottava al mondo. Fino a sette anni fa il Venezuela era una colonia petrolifera degli Stati Uniti. Tutto il nostro petrolio andava a nord, e il gas era usato dagli Stati Uniti e non da noi. Adesso stiamo cambiando. Il nostro petrolio sta aiutando i poveri. Lo vendiamo alla Repubblica Dominicana, ad Haiti, a Cuba, ad alcuni paesi dell’America Centrale, all’Uruguay, all’Argentina.

I: E il Bronx? Chávez: Per quanto riguarda il Bronx, si tratta di un dono. In tutti i casi menzionati sopra si tratta di affari. In ogni caso, non si tratta di libero commercio, ma solo di commercio equo. Abbiamo anche un fondo umanitario internazionale come risultato dei proventi del petrolio.

I: Perchè George Bush ha rifiutato i suoi aiuti a New Orleans dopo l’uragano? Chávez: Dovreste chiederlo a lui, ma sin dall’inizio del terribile disastro di Katrina il nostro popolo negli Stati Uniti, così come il presidente del CITGO, sono andati a New Orleans per soccorrere la popolazione. Eravamo in stretto contatto telefonico con Jesse Jackson. Abbiamo affittato autobus. Abbiamo portato cibo e acqua. Abbiamo tentato di proteggerli: sono nostri fratelli e sorelle. Non ha importanza se sono africani, asiatici, cubani o altro. I: Sta tentando di rimpiazzare la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale in quanto “Bei Bigliettoni di Papà”?

Chávez: Vorrei davvero che il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale sparissero presto. I: E si tratterebbe della Banca di Hugo? Chávez: No. Si tratterebbe della Banca Internazionale Umanitaria. Stiamo solo creando una modalità alternativa di condurre gli scambi finanziari. È basata sulla cooperazione. Ad esempio, mandiamo petrolio in Uruguay per le loro raffinerie e loro ci pagano con le mucche. I: Latte in cambio di petrolio?

Chávez: Esatto. Latte in cambio di petrolio. Anche gli argentini ci pagano con le mucche. E ci danno attrezzature mediche per combattere il cancro. Si tratta di un trasferimento di tecnologie. Scambiamo anche petrolio con tecnologie informatiche. L’Uruguay è uno dei più grandi produttori di software. Stiamo rompendo con il modello neoliberista. Non crediamo nel libero scambio. Crediamo nel commercio e nello scambio equo, non competizione ma cooperazione. Non sto dando via il petrolio gratis. Lo sto solo usando, prima di tutto per portare dei benefici al nostro popolo, per combattere la povertà. Per cento anni siamo stati uno dei più grandi paesi produttori di petrolio al mondo, ma con un tasso di povertà del 60%; adesso stiamo cancellando un debito storico.

I: A proposito del libero mercato, lei ha richiesto il rimborso delle tasse pagate alle compagnie petrolifere statunitensi. Ha cancellato contratti con compagnie petrolifere americane, britanniche ed europee. Sta tentando di tagliare fuori le compagnie petrolifere americane e britanniche dal Venezuela?

Chávez: No, noi non vogliamo che se ne vadano, e non penso nemmeno che loro vogliano abbandonare il paese. Abbiamo bisogno gli uni degli altri. Molto semplicemente, abbiamo recuperato la sovranità sul nostro petrolio. Non pagavano le tasse. Non pagavano i diritti di estrazione. Non rendevano conto delle loro azioni al governo. Possedevano più terra di quanto stabilito inizialmente nei contratti. Non rispettavano gli accordi in materia di scambi tecnologici. Inquinavano l’ambiente e non pagavano per ripulirlo. Adesso devono rispettare la legge.

I: Le ha detto di pensare che il prezzo del petrolio salirà a 100 dollari al barile. Ha intenzione di usare la sua nuova ricchezza petrolifera per spremere il pianeta?

Chávez: No, no. Non abbiamo alcuna intenzione di spremere nessuno. Per il momento siamo stati noi ad essere stati spremuti, e di molto. Per cinquecento anni hanno spremuto e soffocato noi, popoli del Sud. Penso che la domanda stia crescendo e le riserve stanno diminuendo, e i grandi giacimenti si stanno esaurendo. Ma non è colpa nostra. Nel futuro dovrà esserci un accordo tra i grandi consumatori e i grandi produttori.

I: Cosa accadrà quando i soldi del petrolio finiranno, cosa accadrà quando il prezzo del petrolio cadrà come succede sempre? La rivoluzione bolivariana di Hugo Chávez crollerà semplicemente perchè non ci saranno più soldi per pagari il grande giro gratis?

Chávez: Non penso che crollerà, nel caso improbabile di un esaurimento a breve termine del petrolio. La rivoluzione sopravviverà. La sua sopravvivenza non dipende soltanto dal petrolio. C’è una volontà nazionale, c’è un’idea nazionale, c’è un progetto nazionale. In ogni caso, oggi stiamo realizzando un programma strategico chiamato Oil Sowing Plan: usare la ricchezza del petrolio per far diventare il Venezuela un paese agricolo, una meta turistica, un paese industrializzato con un’economia diversificata. Stiamo investendo miliardi di dollari nelle infrastrutture: generatori che utilizzano energia termica, una grande rete ferroviaria, strade, autostrade, nuove città, nuove università, nuove scuole, recupero della terra, costruzione di trattori, e prestiti concessi agli agricoltori. Un giorno non avremo più petrolio, ma questo accadrà nel ventiduesimo secolo. Il Venezuela ha petrolio sufficiente per altri 200 anni.

I: Ma la rivoluzione potrebbe concludersi se ci dovesse essere un altro colpo di stato e questa volta dovesse riuscire. Crede che Bush stia ancora tentando di rovesciare il suo governo? Chávez: Gli piacerebbe, ma una conto è cosa si vuole, un conto è ciò che non si può ottenere. In nessun modo.

Greg Palast è autore dell'introduzione a Censura 2005 – Le 25 notizie più censurate ed è tra gli autori di Tutto quello che sai è falso – Manuale dei segreti e delle bugie. Palast è giornalista d'inchiesta nei settori della frode corporativa e del racketing. La rivista 'Tribune' l’ha definito “il reporter investigativo più importante dei nostri giorni”. È meglio noto negli Stati Uniti, suo paese d'origine, per la propria indagine su come in Florida centinaia di afroamericani non abbiano potuto votare in occasione delle elezioni del 2000.

Fonte: The Progressive Traduzione a cura di Giusy Muzzopappa per Nuovi Mondi Media

Questo articolo è stato inviato da Nuovi Mondi Media
http://www.nuovimondimedia.com/sitonew/

La URL di questo articolo è: Nuovi Mondi Media
Add to Google Reader or Homepage
http://www.wikio.it
Add to Technorati Favorites

LPG NUKE

Sitios Amigos

Intercambio Link

Colaboradores

MigliorBlog.itEURO-TOPLISTClassifica di siti - Iscrivete il vostro!
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog
 News & Journalism - Top Blogs Philippines
Blogalaxia
TopOfBlogs
PoliticsTop BlogsBlogRankers.com
Politics blogs
BlogPolitics BlogsRussian America Top. Рейтинг ресурсов Русской Америки.
Free Gifts Top 100
My BlogCatalog BlogRank素材RANKINGClassement des sites Francophones